Avena | Cos'é?

La pianta d’avena (Avena sativa) appartiene alla famiglia delle Graminacee. È originaria della regione del Mar Nero, ma si è espansa anche in Asia e in tutta l’Europa. L’avena è considerata una pianta di risanamento, perché contribuisce a mantenere in buona salute le aree coltivate. L’avena veniva probabilmente coltivata già durante l’età del bronzo, e le più antiche testimonianze della sua coltivazione ci arrivano dalla Svizzera. Fino al tardo Medioevo, l’avena era l’alimento di base più importante per le persone. Tuttavia, con l’introduzione della patata, più facile da coltivare, ha rapidamente perso importanza nella nostra alimentazione.

Oggi i chicchi freschi, i fiocchi e la crusca d’avena vengono utilizzati per la preparazione di alimenti sani come porridge e muesli, per le torte o piatti piccanti. Fra le varietà di cereali nostrani più comuni, l’avena è probabilmente la più pregiata e apprezzata. Infatti, i suoi piccoli chicchi hanno un grande effetto: il loro contenuto di proteine superiore alla media con molti amminoacidi essenziali favorisce il mantenimento della forma fisica e mentale.

A colazione l’avena non solo dà una sferzata di energia con la sua azione stimolante, ma fa anche sì che il corpo rilasci serotonina, l’ormone della felicità. Non a caso, in tedesco si usa l’espressione «sei stato punto dall’avena» per descrivere una persona molto vivace, con l’argento vivo addosso.