Menta | Cos'é?

Nome scientifico: Mentha aquatica L.

Famiglia: Lamiaceae

Provenienza: Europa e Africa settentrionale

Botanica: la menta acquatica cresce come pianta palustre preferibilmente in aree umide, ad esempio in riva ai corsi d’acqua. Questa pianta perenne e resistente al freddo raggiunge un’altezza compresa tra 15 e 90 centimetri.

Periodo di fioritura: da luglio a ottobre

Parti della pianta usate: foglie, stelo

 

Cosa rende speciale questa pianta

La menta acquatica è la sorella più delicata della menta piperita a cui assomiglia, emanando un simile aroma. Ma il suo profumo è più delicato, per cui viene preferita al gusto forte della menta piperita per la preparazione degli infusi. A differenza degli altri tipi di menta, quella acquatica cresce in acque poco profonde o in zone paludose.

Applicazione

La menta acquatica era considerata un’erba sacra dai druidi; nel Medioevo veniva usata anche per lenire le fitte ai fianchi. Oggi trova impiego per lo più come infuso. L’infusione di menta può essere usata come applicazione esterna, ad esempio per bagni rinfrescanti, lavaggi e impacchi. Questa erba è molto efficace anche contro le punture di insetti: basta schiacciare alcune foglie e applicarle sulla pelle arrossata per un effetto rinfrescante e anestetizzante.

 

Proprietà cosmetiche

Le foglie contengono un olio essenziale ricco di mentolo che, se applicato esternamente, ha un piacevole effetto rinfrescante.