Broccoli e Cardiospermum: un sollievo per chi soffre di raffreddore da fieno

Rinite, tosse e occhi irritati: le persone che in primavera soffrono di raffreddore da fieno sono sempre di più. I pollini possono viaggiare nell’aria per chilometri e raggiungere quindi anche luoghi lontani da boschi e prati. Ecco perché, anche nel vostro appartamento in città, può fare improvvisamente la sua comparsa una sensazione di prurito al naso. Alcuni soffrono di raffreddore da fieno da anni, altri ne avvertono i sintomi ...

Rinite, tosse e occhi irritati: le persone che in primavera soffrono di raffreddore da fieno sono sempre di più. I pollini possono viaggiare nell’aria per chilometri e raggiungere quindi anche luoghi lontani da boschi e prati. Ecco perché, anche nel vostro appartamento in città, può fare improvvisamente la sua comparsa una sensazione di prurito al naso. Alcuni soffrono di raffreddore da fieno da anni, altri ne avvertono i sintomi per la prima volta, mentre altri ancora non li hanno mai provati così forti come quest’anno. È tempo di rifletterci un po’ e di accogliere qualche consiglio su come combattere questi disturbi anche senza un ricorso massiccio, e inutile, alla chimica.

Falso allarme

Perché si manifestano i raffreddori da fieno? Le riniti allergiche e altre forme di allergia sono una reazione esagerata del nostro sistema immunitario a uno stimolo di per sé innocuo, riconducibile a determinate sostanze. Dette sostanze sono oggetto di una errata classificazione da parte del nostro organismo che le identifica come nocive, scatenando una reazione allergica. Tali allergeni, come vengono anche chiamati, sono presenti in varie forme nell’ambiente, negli alimenti, in oggetti di uso comune e anche nei cosmetici. Anche trattamenti inadeguati, tinte per capelli e farmaci possono scatenare reazioni allergiche, proprio come gli alimenti e perfino la bigiotteria (per es. per la presenza di nichel). Le allergie possono tuttavia essere provocate anche da fattori ambientali (pollini, sole).

Quando la barriera protettiva della pelle è alterata, insorgono, a seconda della gravità, problemi quali prurito, eritemi, cuoio capelluto secco o papule. Si tratta di reazioni violente e spesso dolorose a carico dell’epidermide o delle vie respiratorie, che si ripercuotono in maniera massiccia sulla qualità della vita. Nel caso delle riniti allergiche, i sintomi sono molteplici: naso che cola, occhi che lacrimano e provocano una sensazione di prurito, attacchi d’asma o eruzioni cutanee che prudono. A volte compaiono anche dissenteria, flatulenza e dolori allo stomaco.

Il ruolo da protagonista spetta all'intestino

Alcuni rimedi naturali possono lenire i sintomi delle allergie o anche eliminarli. Si può naturalmente anche ricorrere agli antistaminici solitamente prescritti dal medico, ma si tratta di farmaci cui spesso si associano effetti collaterali indesiderati. I metodi omeopatici garantiscono ottimi risultati. Il consiglio è quindi di consultare un omeopata e trovare la cura più adatta ai propri bisogni. Sia gli antistaminici che i rimedi omeopatici eliminano tuttavia solo i sintomi. È venuto il momento di dedicare più attenzione all’intestino, in quanto sul tema allergie gioca un ruolo di primo piano: circa l'80% del nostro sistema immunitario è infatti strettamente correlato alla funzionalità dell’intestino. Le difese dei soggetti allergici sono già di per sé piuttosto deboli ed è quindi opportuno pensare a come rinforzarle. Un’alimentazione più sana può già essere un ottimo modo per avvertire un miglioramento!

Un rimedio tradizionale della nonna, perfetto per abituare il corpo ai pollini della regione in cui si vive, è il miele. Acquistare il proprio miele preferito al supermercato porta tuttavia solo raramente a qualche miglioramento. Meglio comprarlo da un contadino vicino a casa, in quanto il miele deve sempre essere prodotto da api della propria zona. È inoltre necessario che sia grezzo, non sottoposto a trattamenti termici, naturale e non filtrato. Prendetene un cucchiaio ogni giorno, puro o sciolto in un bicchiere d’acqua calda.

Anche ad alcune piante viene attribuito un effetto benefico, soprattutto alla camomilla, ai fiori di sambuco e all’achillea. Senza contare l’aglio, l’angelica e l’igname, anch’essi in grado di rafforzare il sistema immunitario.

Mangiate noci, broccoli e spinaci

Consumate quanti più prodotti della natura potete. Noci, germogli, frutta secca e l’insalata verde in foglia così ricca di antiossidanti possono anche essere preparati in forma di saporito smoothie. I broccoli (ricchi di vitamina C!) come anche le bacche (quelle di sambuco sono un’arma segreta, anche contro il raffreddore) e gli agrumi rinforzano il sistema immunitario, rendendolo meno esposto alle allergie.

I piatti e i prodotti pronti del supermercato, che contengono zuccheri, additivi artificiali e dolcificanti, indeboliscono le difese immunitarie. Riempite il vostro piatto per circa la metà di frutta e verdure crude: ne ricaverete davvero molte sostanze nutritive. Se farete di questo principio una regola da osservare a ogni pasto, vi sentirete presto più vitali e in equilibrio con voi stessi. Fate molta attenzione anche a quello che bevete: assumete molta acqua naturale e rinunciate alle bevande dolci. Avvertirete presto una nuova energia, che può essere molto d’aiuto in caso di allergie, in quanto queste ultime spossano e logorano le nostre forze.

Meno carne e latticini

Un’alimentazione sana non prevede regole ferree, ma se si soffre di allergie è bene cercare di evitare alcuni alimenti. Molti soggetti allergici ravvisano un miglioramento quando rinunciano totalmente o in gran parte al consumo di latticini, di alcuni tipi di cereali e di qualche frutto. Senza contare che l’organismo tollera meglio determinati tipi di frutta e verdura coltivati nella regione in cui si risiede rispetto a cibi che hanno alle spalle molte ore di volo.
Un altro consiglio da tenere sempre presente è dedicare più attenzione al proprio stile di vita. Troppo stress può ripercuotersi negativamente sull’organismo e acuire le allergie. Qualche volta concedetevi una sera in casa anche quando avete ancora in sospeso qualche grigliata con i vicini; ogni tanto lasciate che i bimbi si godano un week end con i nonni mentre voi vi prendete una pausa.  Sono proprio le piccole cose ad essere spesso le più grandi; ascoltate quello che c’è dentro di voi.

Mai spogliarsi in camera da letto

È un consiglio che sembra logico, ma che spesso viene dimenticato: evitate quanto più possibile i pollini. Arieggiate la casa mattina e sera, a intermittenza, ma, durante il giorno, tenete le finestre chiuse. Se possibile passate velocemente l’aspirapolvere ogni giorno, soprattutto nelle camere da letto. Non togliete e non custodite i vestiti che avete indossato tutto il giorno in camera da letto. Sostituite più spesso la federa del cuscino: i capelli depositano infatti qui molti pollini e non dimenticate di lavare i capelli con regolarità (a tal proposito seguono i consigli degli esperti). Chi soffre di allergie farebbe bene a rinunciare alle lenti a contatto nel periodo della fioritura. Portate occhiali da sole che rimangano aderenti al viso. Eviterete in tal modo che troppi pollini finiscano negli occhi. Se comunque vi danno una sensazione di prurito, evitate per quanto possibile di strofinarli, in quanto in tal modo si fanno penetrare i pollini ancora più in profondità negli occhi causando irritazione. Tamponate delicatamente gli occhi con delle pezzuole da bagno pulite e decongestionateli con un collirio. Due fettine di cetriolo aiutano ad abbassare il gonfiore delle palpebre.

 

Il consiglio, per chi soffre di raffreddore da fieno è quello di lavare accuratamente i capelli ogni sera con lo SHAMPOO SENSITIVE al Cardiospermum, che rimuove efficacemente i pollini evitando che si depositino sulla biancheria da letto. Questo accorgimento attenua efficacemente i sintomi. Molti dei nostri clienti hanno riferito di averne tratto giovamento

Qui trovate tutti i prodotti, corredati dalle relative informazioni, della  linea RAUSCH Sensitive al Cardiospermum , elaborata da RAUSCH in collaborazione con il Centro svizzero per l'allergia, la pelle e l’asma. Si tratta della prima linea per allergici sviluppata in Svizzera certificata dal sigillo aha!