Aloe vera | Cos'é?

A qualcuno piace il caldo: l’aloe vera cresce principalmente in paesi caratterizzati da estati estremamente calde e torride, in cui per mesi non cade nemmeno una goccia di pioggia. Originaria della penisola araba, cresce in Messico, Brasile, in alcune parti dell’Africa, dell’Asia e del Mediterraneo.

A causa delle condizioni climatiche ostili in cui vive, questa pianta del genere delle Aloeacee è una vera e propria artista della sopravvivenza e genera da sola tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno, immagazzinando l’umidità nelle sue foglie dal gusto amarognolo. Esistono centinaia di tipi di aloe ma, come dice il nome, l’autentica aloe vera è una sola ed è annoverata fra le piante officinali più antiche e ormai anche fra le più conosciute del pianeta. Nonostante abbia l’aspetto di una pianta grassa, L’aloe vera appartiene alla famiglia delle Liliacee, come le piante da bulbo.

Le sue proprietà curative erano note già ai Sumeri, agli Egizi e in seguito anche nell’antica Grecia. Passando per l’India, la pianta è arrivata dall’Arabia fino al Giappone, dove i samurai solevano spalmarsi il corpo con il suo gel prima dei combattimenti, per proteggersi da possibili gravi ferite. Anche oggi l’aloe vera occupa un posto d’onore nella medicina naturale: gli scienziati hanno individuato nelle sue foglie oltre 200 elementi che, grazie alla combinazione unica di principi attivi, possono avere effetti positivi sull’intero organismo umano. Il succo o gel contenuto nelle sue foglie ha un potere altamente nutritivo ed è un additivo particolarmente apprezzato, in grado di prendersi cura anche della cute più sensibile.